Ogni insieme di diritti nasce da un conflitto che si crea quando qualcuno compie o vuole compiere qualcosa che ha delle conseguenze su altre persone, con il favore di alcune di queste e l’opposizione di altre. Con o senza una lotta, si giunge ad un accordo o a un compromesso con il quale si definiscono i rispettivi diritti. Quello che voglio evidenziare in modo particolare è che la soluzione è essenzialmente la trasformazione del conflitto da un problema politico a una transazione economica. Una transazione economica è un problema politico risolto. L’economia ha conquistato il titolo di regina delle scienze sociali scegliendo come suo dominio quello dei problemi politici risolti. (Abba P. Lerner, 1972, The Economics and Politics of Consumer Sovereignty)

Nel lungo periodo, se non saremo davvero tutti morti, saremo ancora nel breve periodo. (Abba P. Lerner, 1962, Own Rates and the Liquidity Trap)

Affinché il sistema capitalista funzioni efficacemente i prezzi devono sostenere i profitti. (Hyman P. Minsky, 1986, Stabilizing an Unstable Economy)

Res tantum valet quantum vendi potest. (cfr. Karl Pribram, 1983, A History of Economic Reasoning)

L'unico rimedio per la disoccupazione è avere una banca centrale sotto il controllo pubblico. (cfr. John Maynard Keynes, 1936, The General Theory of Employment, Interest and Money)

We have this endearing tendency in economics to reinvent the wheel. (Anthony P. Thirlwall, 2013, Economic Growth in an Open Developing Economy, p.33)

Amicus Plato, sed magis amica veritas.


N.B. Nel blog i link sono indicati in rosso: questo è un link.

domenica 20 novembre 2016

Share Button


Art.70 Votare NO alla truffa nella Costituzione



Ognuno di noi sa che non deve firmare un contratto senza prima averlo letto.
Ognuno di noi sa che non deve firmare un contratto se, avendolo letto, non l’ha capito.
Ognuno di noi sa che non deve firmare un contratto se, avendolo letto, non l’ha capito e se chi l’ha scritto, la controparte, non ha fornito chiarimenti puntuali e corrispondenti al testo del contratto.

Quando un contratto non è comprensibile e chi l’ha scritto non fornisce chiarimenti puntuali e corrispondenti al testo, ognuno di noi considera chi gli ha proposto quel contratto un truffatore.

E’ una elementare norma di buon senso.

Se il contratto non nascondesse una truffa, la controparte avrebbe tutto l’interesse a rendere il contratto chiaramente comprensibile.

L’articolo 70 della “riforma” Renzi-Boschi della Costituzione (1) è incomprensibile.


documenti.camera.it/Leg17/Dossier/Pdf/AC0500N.Pdf


Ha affermato ad esempio il costituzionalista Gustavo Zagrebelsky: “Ammetto, non ho capito quasi nulla delle parti essenziali di questa riforma e di come possa funzionare secondo i nostri ministri”. “La nostra nuova Costituzione è stata scritta secondo la tecnica dell'incomprensione; diventerà come una delle tante leggi illeggibili, che i nostri parlamentari hanno votato a caso, senza capirne il significato”. (2)

Richiesto di spiegare il nuovo articolo 70, il Ministro dei beni e delle attività culturali Dario Franceschini ha affermato che “le leggi devono produrre un effetto, non devono essere comprensibili” (3).

“Firma, non preoccuparti”. Quello che dice ogni truffatore.
Il contratto del truffatore è pienamente valido, l’effetto nascosto nel testo incomprensibile è lo scopo della truffa.

Naturalmente non voglio dire che l’articolo 70 della “riforma” Renzi-Boschi della Costituzione sia una truffa nel senso che il legislatore abbia commesso il reato di truffa (4).

La truffa insita nell’articolo 70 della “riforma” Renzi-Boschi della Costituzione è ben più grave.

Per mezzo di artifici e di raggiri, spacciando l’articolo 70 della “riforma” Renzi-Boschi come un “superamento del bicameralismo perfetto”, come una “semplificazione”, come “l’eliminazione di un inutile doppione”, come “un risparmio”, come “un colpo alla casta”, si induce il popolo italiano in errore.

Lo scopo, ancora una volta, è togliere sovranità al popolo italiano, è negare nella seconda parte della Costituzione il suo articolo 1: “L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.” (5)

Non è la prima volta che la tecnica di rendere completamente incomprensibili le norme è applicata per truffare i cittadini.

Nel 2007 Giuliano Amato, ad esempio, rivendicò il fatto che i capi di governo avevano deciso di rendere illeggibile il Trattato di Lisbona per ingannare i popoli europei ed evitare che potessero esprimersi con un referendum su di esso. (6,7)

Questa volta, con il referendum del 4 dicembre, abbiamo la possibilità di votare NO.
NO, io non sottoscrivo una “riforma” della Costituzione incomprensibile.
NO, io non mi faccio truffare!


__________


Note:

(1)                http://documenti.camera.it/Leg17/Dossier/Pdf/AC0500N.Pdf
(2)                huffingtonpost.it/2016/09/03/gustavo-zagrebelsky-referendum_n_11846164.html
(3)                http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/11/18/referendum-franceschini-pd-leggi-devono-produrre-un-effetto-non-devono-essere-comprensibili-e-il-pubblico-protesta/3203633/
(4)                Truffa: reato commesso da chi per mezzo di artifici o di raggiri induce una persona in errore allo scopo di procurare a sé o ad altri un illecito profitto con danno altrui. http://dizionari.repubblica.it/Italiano/T/truffa.php
(5)                Si legga http://orizzonte48.blogspot.it/2016/11/bicameralismo-improprio-o-asimmetrico.html
(6)                https://euobserver.com/political/24481
(7)                https://www.rivieraoggi.it/2013/04/23/164520/amato-tuo-spieghi-cosa-ha-combinato-con-deutsche-bank-e-tanto-altro/


[FINE]



1 commento:

  1. Completamente d'accordo con l'articolo. Mi permetto solo di far notare una cosa che a mio avviso non viene evidenziata abbastanza nei dibattiti dai sostenitori del NO.
    E cioè lo svilimento della Legge fondamentale dello Stato quasi a Regolamento parlamentare o peggio a un a forma stile “Decreto milleproroghe" ( tanto cari ai nostri ultimi governanti ).
    Non mi pare infatti che in nessun articolo della attuale Costituzione ci sia un tale florilegio di rimandi ad articoli e commi come in questo delirante nuovo art. 70. O sbaglio ?

    RispondiElimina